P1020009.jpg

Chi e' online

3 visitatori online

Non voto

Il massiccio astensionismo verificatosi, come mai prima d’ora, nel voto per il rinnovo dei Consigli regionali dell’Emilia-Romagna e della Calabria, è ovviamente il riferimento di quasi tutti i commentatori politici, pur con sfumature diverse in sede di interpretazione.

Nessun dubbio invece sui numeri: in Emilia-Romagna 2 milioni e 150 mila elettori non si sono recati alle urne, diventando così il “partito” più grande e superando per la prima volta nella storia il numero complessivo dei voti validi, poco più di 1 milione e 200 mila schede.

Lascia il primo commento! | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 286

Leggi tutto...
 
Cottarelli:ridurre il numero dei Comuni! Ecco come e senza fusioni!

Nei giorni scorsi tutti i mezzi di informazione hanno ripreso il grido d’allarme di Carlo Cottarelli, Commissario alla “spending rewiew”, a proposito del numero dei Comuni italiani. Dice Cottarelli: "ottomila Comuni sono troppi, bisognerebbe pensare ad una riduzione che renda più facile il coordinamento". Ascoltato dalla Commissione bicamerale sull'anagrafe tributaria, aggiunge ancora: “Un taglio non si può però imporre tout court. Per questo, bisognerebbe anche prevedere "un meccanismo premiale per le amministrazioni che si mettono assieme".

Giusta l’analisi (ogni Comune è un centro di spesa autonomo e più sono i centri di spesa autonomi più diventa complicato porre in essere una qualche forma di controllo sulla medesima), sbagliata la soluzione.

Commenti (2) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 746

Leggi tutto...
 
Come creare in Italia 900.000 posti di lavoro entro il 2020

Roland Berger è una società di consulenza internazionale che opera in 36 Paesi. Per intendersi, una di quelle società alle quali si rivolgono gli investitori stranieri quando, ad esempio, vogliono farsi assistere nei loro investimenti industriali. Ebbene, recentemente, la società ha presentato uno studio dedicato all’Italia dal titolo benaugurante: How to create more than 900.000 jobs in the industry by 2020 (Come creare più di 900.000 posti di lavoro nell’industria entro il 2020).

Vorrei qui sintetizzare brevemente l’analisi della situazione italiana, così come la vede Roland Berger, e la proposta che viene avanzata per ottenere un risultato tanto agognato dal nostro Paese.

Commenti (1) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 624

Leggi tutto...
 
Vitalizi regionali ai quarantenni: Pd, Pdl, Scelta Civica hanno voluto così!

E’ ridicolo che ora tutti piangano lacrime di coccodrillo! La verità è che Pd, Pdl, Scelta Civica (anche se allora non si chiamava così) e tutti coloro che appoggiavano il governo Monti hanno voluto che le Regioni potessero deliberare in modo diverso sui vitalizi, nonostante il principio generale secondo il quale “non lo si sarebbe più percepito prima di 66 anni”.

Come è noto a quel milione e mezzo di Italiani e oltre che hanno visto il video trasmesso da Milena Gabanelli in una puntata di Report (http://www.antonioborghesi.it/index.php?option=com_content&task=view&id=314&Itemid=1 )

sono stato l’unico che è riuscito finora a obbligare la Camera dei Deputati a votare sull’abolizione dei vitalizi.

Ho continuato quella mia battaglia per tutta la scorsa legislatura.

Anche in occasione della discussione del decreto che stabiliva nuove regole per i vitalizi regionali richiamai l’attenzione di tutti sul fatto che la norma, per come era scritta, avrebbe permesso alle Regioni di legiferare in modo difforme. E così è stato. Ora tutti si scandalizzano del fatto che in Sardegna una quarantenne percepisce un vitalizio di 5.000 euro e così nel Lazio e così in molte altre Regioni.

Voglio qui riportare alcuni passi dei miei interventi in cui lamentavo il grave errore che si stava compiendo.

Lascia il primo commento! | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 540

Leggi tutto...
 
Santanché:Basta pontificare! Credito grazie alla politica e a Ponzellini
Da qualche giorno la signora Santanché è present in quasi tutti i talk show televisivi. E da lì pontifica: sulle vicende politiche in corso, sui costi della politica, su come un parlamentare dovrebbe svolgere il suo lavoro, su come lei potrebbe farne a meno essendo imprenditrice....e così via.
Non riesco a capire come nessuno in trasmissione le sbatta in faccia la sua protervia, la sua ipocrisia, la sua falsità ed il fatto che stia prendeno per il c... i telespettatori?

Lascia il primo commento! | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 442

Leggi tutto...
 
Il mio libro su "Risk Management" tra gli eBook più venduti di Springer!

Lo scorso anno ho pubblicato un libro di "Risk Management" con l'editore Springer.

Fa piacere che un grande editore ti mandi un anno dopo un Report come quello che riporto sotto.

Results for your eBook

In July 2013 SpringerLink introduced a new feature that allows customers to downloadcomplete eBooks rather than just individual chapters. We are pleased to report thatthis service has been very well received and has had a positive effect on the number of downloads.

Since its online publication on October 06, 2012, there has been a total of 6569 chapter downloads for your book on SpringerLink. The table to the right shows the download figures for the last year(s).

This means your book was one of the top 25% most downloaded eBooks in the relevant Springer eBook Collection in 2013.

Leggi sotto la traduzione

Commenti (1) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 733

Leggi tutto...
 
Mose e Pedemontana Veneta: la finanza di progetto secondo Galan e Chisso.

Il marciume che è emerso in queste settimane sulla vicenda del MOSE è solo uno dei tanti modi di un sistema perverso messo in atto da parte della Regione del Veneto, guidata da Galan e Chisso, e che ha permesso a speculatori e avventurieri di essere sempre presenti ai banchetti delle opere pubbliche venete.

Suggerisco ad esempio ai magistrati inquirenti o a chi è preposto a svolgere attività anti corruzione di leggersi l’interrogazione che presentai al Ministro delle Infrastrutture il 19 aprile 2007 (al tempo Ministro era Antonio Di Pietro) e che è rimasta priva di risposta. Era l’interrogazione n. 4-03362: potete leggerla per intero sul sito della Camera al seguente link: http://banchedati.camera.it/sindacatoispettivo_15/showXhtml.Asp?idAtto=11125&stile=6&highLight=1&paroleContenute=%27INTERROGAZIONE+A+RISPOSTA+SCRITTA%27

La Regione Veneto guidata da Galan e Chisso ha fatto largo ricorso alla cosiddetta “finanza di progetto”,

Lascia il primo commento! | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 725

Leggi tutto...
 
Napolitano compie 89 anni: possiamo fissare 75 anni come limite massimo per gli incarichi pubblici?

Abbiamo finalmente un giovane premier (38 anni), ma abbiamo il Presidente della Repubblica che di anni ne ha 89, il Presidente del principale gruppo bancario italiano (Giovanni Bazoli – Gruppo Intesa) che ne ha 82, il Presidente della Fondazione Cariplo (Giuseppe Guzzetti) che ne ha 80, il Presidente di Confcommercio (Carlo Sangalli) che ne ha 77, il Presidente del Cnel (Antonio Marzano) che ne ha 79.

Secondo Sandro Catani, autore del libro-inchiesta “Gerontocrazia”, l’economia italiana è tenuta in ostaggio da 400 persone, che lui si è preso la briga di elencare.

Lascia il primo commento! | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 732

Leggi tutto...
 
Tsipras, Spinelli e Ovadia: quelli che prendono per il c… gli elettori!

Dunque la Lista Tsipras ce l’ha fatta: ha superato la soglia di sbarramento del 4% ed ha così eletto tre eurodeputati.

Ma a Bruxelles non andranno coloro che sono stati eletti, bensì tre sostituti.

Gli eletti infatti sarebbero Moni Ovadia e Barbara Spinelli, i quali all’atto dell’accettazione della candidatura avevano già dichiarato che avrebbero rinunciato.

Commenti (3) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 1128

Leggi tutto...
 
Elezioni europee: dalla mistificazione di Berlusconi al populismo di Renzi!

Come ho scritto nel mio ultimo post,  non ero personalmente coinvolto in questa campagna elettorale. Né in questo momento sono iscritto a qualche formazione politica. Ciò nonostante ho ritenuto di far sapere che avrei votato per Scelta Europea con Guy Verhofstadt, patrocinata dall’Alde, che ritenevo la sigla più vicina alla mia visione di società.

Bisogna riconoscere che questo contenitore ha fallito qualunque suo obiettivo ottenendo il consenso solo dello 0,7% dell’elettorato.

Il voto degli elettori è sacro e va sempre rispettato.

In merito ai risultati elettorali mi pare di dover osservare quanto segue:

Lascia il primo commento! | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 788

Leggi tutto...
 
Io scelgo l’Europa: voto Scelta Europea-Alde

In questo momento non sono coinvolto personalmente nelle elezioni europee, né sono iscritto ad alcuna formazione politica.

Sto lavorando da mesi alla costruzione del “Partito che non c’è” con “In cammino per cambiare” e spero che questa prospettiva si traduca in atti concreti dopo le elezioni.

Non posso però rinunciare:


1. a votare. Da quando ne ho titolo ho sempre esercitato quello che considero “un diritto” prima ancora che un dovere. Rinunciare significa lasciare agli altri decidere per me. Non lo farò!

2. a dire per chi voterò. Chi, come me, ha avuto un ruolo pubblico come quello di essere stato membro del parlamento ha a mio avviso l’obbligo di far conoscere la sua opinione. Ai tanti che nel passato si sono rivolti a lui con riflessioni, proposte, proteste e, qualche volta, anche insulti. Ai tanti che in passato lo hanno considerato come un punto di riferimento.

Commenti (3) | Riporta quest'articolo sul tuo sito! | Visualizzazioni: 681

Leggi tutto...
 
Altri articoli...

Login

Benvenuto!





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Grazie e Arrivederci!

Feed RSS

Mailing List

Iscriviti alla newsletter!

Nome:

Email:

Ricezione mail in HTML
Iscriviti Cancellati

Social network


Canale Youtube
Borghesi su Facebook
Borghesi su Facebook

© 2014 AntonioBorghesi.it